[Login]
Finaf Alegra Naturitalia Valfrutta Conserve Italia
Torna alla homepage
Ritorna alla pagina iniziale Chi è Apo Conerpo Catalogo prodotti Associati on line La base sociale Appuntamenti e News Come contattarci



APPUNTAMENTI E NEWS

Appuntamenti e News  >  News  >  Maurizio Gardini confermato alla presidenza di Conserve Italia
Forlivese, 49 anni, Maurizio Gardini è stato confermato per altri tre anni alla presidenza di Conserve Italia, il gigante agroalimentare leader europeo nel settore dell’ortofrutta trasformata

Positivo l’andamento dell’esercizio 2008/2009 di Conserve Italia

Bologna, 30 ottobre 2009 – (Bologna, 30 Ottobre 2009). Maurizio Gardini, forlivese, 49 anni, è stato confermato per altri tre anni alla presidenza di Conserve Italia, il gigante agroalimentare leader europeo nel settore dell’ortofrutta trasformata con i marchi Valfrutta, Cirio, Yoga, Derby, De Rica, Jolly Colombani, Saint Mamet e Juver. Aderente a Confcooperative, Conserve Italia può contare su 51 cooperative socie, 14.500 produttori, 12 stabilimenti (8 in Italia) e circa 650.000 tonnellate di prodotti agricoli trasformati per un fatturato aggregato di quasi 1.100 milioni di euro. Gardini è stato nominato oggi presidente per acclamazione dall’Assemblea dei Soci, mentre sono stati confermati alla vice presidenza Paolo Bruni e Raffaele Drei. Oltre al presidente ed ai due vice presidenti, fanno parte del Consiglio anche Vittorio Beccari, Walter Bellantonio, Francesco Budri, Nicola Cecconato, Roberto Cera, Carlo Giavoni, Vanni Girotti, Maurizio Guerzoni, Pier Giorgio Lenzarini, Adio Assunto Marretti, Massimo Passanti, Michele Rossi, Enrico Tenerini, Luciano Torreggiani e Davide Vernocchi. Il Collegio Sindacale è composto invece da Chiara Ragazzi (presidente), Giampaolo Chirichelli e Giuseppe Gambi (membri effettivi), Paolo Foschini e Giuseppe Tubertini (membri supplenti). Nei nuovi organi sociali di Conserve Italia risultano eletti Cecconato, Chirichelli e Bellantonio rispettivamente presidente, vice presidente e direttore dell’ISA (Istituto Sviluppo Agroalimentare). “Attraverso l’importante processo di modernizzazione e razionalizzazione realizzato sia a livello societario, con numerose acquisizioni, fusioni e dismissioni, che produttive – ha dichiarato il presidente Maurizio Gardini – negli ultimi anni il nostro Gruppo ha saputo migliorare significativamente la propria struttura industriale, rivolgendo un’attenzione particolare agli aspetti sociali e alla sostenibilità ambientale”. “Tutto ciò – ha proseguito Gardini – ha reso sempre più grande e più forte la nostra azienda, che in nove anni ha aumentato del 70% il fatturato, e ha sviluppato costantemente la propria natura cooperativa. Fedele alla sua mission, vale a dire valorizzare i prodotti dei soci e garantire la loro giusta remunerazione, infatti, in pochi anni Conserve Italia ha portato dal 60 all’85% la mutualità prevalente, vale a dire la percentuale di prodotto lavorato conferito dalla base sociale”. “Negli ultimi anni – ha concluso il presidente – abbiamo compiuto un lungo percorso diventando, oltre che sempre più ‘cooperativi’, anche più grandi e più forti. Ora però diventa irrinunciabile scrivere una pagina nuova spingendo ulteriormente l’acceleratore sull’internazionalizzazione, facendo leva, non appena le condizioni del mercato lo consentiranno, sui nostri valori, tipici della filiera cooperativa italiana”. “Grazie anche all’ulteriore miglioramento ed ampliamento dell’offerta, sempre più segmentata e rispondente alle nuove esigenze del mercato, – ha sottolineato il direttore generale di Conserve Italia, Angel Sanchez – nell’esercizio 2008/09 il fatturato del Gruppo ha continuato il suo trend di crescita, sfiorando i 1.100 milioni di euro, con un incremento del 4,5% sull’esercizio precedente”. “Negli 12 stabilimenti del Gruppo – ha concluso Sanchez – sono state trasformate complessivamente più di 647.000 tonnellate, per il 57% rappresentate da pomodoro, per il 23% da frutta e per il 20% da ortaggi. Le vendite a marchio si sono attestate sul 72,5%, mentre la produzione delle private label ed i prodotti destinati agli scambi industriali rappresentano il 27,5%” .

cerca nel sito ricerca avanzata
©Apo Conerpo ScA - Tutti i diritti riservati - P.IVA 01788291209 - info@apoconerpo.com - credits