[Login]
Finaf Alegra Naturitalia Valfrutta Conserve Italia
Torna alla homepage
Ritorna alla pagina iniziale Chi è Apo Conerpo Catalogo prodotti Associati on line La base sociale Appuntamenti e News Come contattarci



APPUNTAMENTI E NEWS

Appuntamenti e News  >  News  >  Patata, un concentrato di benessere nutriente e leggero.
(Bologna, 17 marzo 2008). Una ricerca, presentata in un incontro organizzato dalla cooperativa PATFRUT, inserisce questo tubero nel regime dietetico di pazienti diabetici.

Grazie alle sue importanti sostanze nutritive ed al basso contenuto calorico.

Un tubero ricco di sostanze nutritive, estremamente importante per garantire una alimentazione equilibrata sia ai giovani che agli anziani e che può essere inserito nel regime dietetico di pazienti diabetici. Questa, in estrema sintesi, la fotografia della patata (Solanum Tuberosum L.), originaria delle Ande peruviane dove si trovano le più antiche testimonianze della sua coltivazione, emersa da una interessante ricerca realizzata dalla dottoressa Serena Tassinari, biologa nutrizionista con Master in Nutrizione Olistica. Lo studio è stato presentato nel corso di un incontro organizzato a Tintoria di Minerbio (Bo), nel cuore del comprensorio pataticolo bolognese, dalla cooperativa Patfrut, realtà ortofrutticola di punta con 285 soci, circa 130 dipendenti, tra fissi e stagionali, ed un quantitativo di prodotto commercializzato pari a circa 62.000 tonnellate (di cui 38.000 di patate), che aderisce a Confcooperative ed Apo Conerpo, leader europeo nell’ortofrutta fresca. “La ricerca – sottolinea Serena Tassinari – evidenzia che un etto di patate bollite contiene poco più di 20 grammi di amido, un carboidrato cosiddetto complesso che presenta il vantaggio di essere assorbito lentamente provocando, quindi, un minore innalzamento della glicemia rispetto all’assunzione di zuccheri semplici. Una caratteristica che rende appunto le patate indicate anche per i diabetici”. Dopo essere stato ingerito, l’amido viene poi demolito gradualmente in composti sempre più semplici fino ad ottenere il glucosio, che rappresenta lo zucchero immediatamente utilizzabile dall’organismo per svolgere al meglio le attività muscolari e cerebrali, garantendo anche il corretto metabolismo degli altri principi nutritivi. “Oltre all’amido, – prosegue Tassinari – le patate contengono anche numerosi micronutrienti tra i quali potassio, fosforo e vitamina C, quest’ultima particolarmente importante in quanto svolge una funzione antiossidante contro i radicali liberi e promuove l’assorbimento e l’utilizzo del ferro. Le patate hanno inoltre un modesto contenuto energetico, pari a poco più di 80 chilocalorie per 100 grammi, ed un contenuto di grassi particolarmente basso (1%). Per il modesto contenuto di fibra grezza, poi, sono facilmente assimilabili e, dunque, particolarmente indicate nella dieta di bambini ed anziani. Alla luce di queste caratteristiche, le patate sono un nutriente essenziale che dovrebbe sempre accompagnare la nostra alimentazione e rappresentano un tassello importante della dieta mediterranea”. Alle proprietà nutrizionali e salutistiche le patate, in particolare quelle ottenute nel Bolognese, area estremamente vocata per questo ortaggio, abbinano eccellenti caratteristiche organolettiche e di salubrità, ottenute grazie alle condizioni pedoclimatiche particolarmente favorevoli unite alla professionalità dei Produttori locali, che hanno incessantemente migliorato le tecniche di coltivazione. “Standard decisamente elevati – sottolinea il presidente della Patfrut, Luciano Torreggiani – che la nostra cooperativa si impegna a migliorare costantemente insieme ai servizi, per offrire un prodotto sempre più in linea con le esigenze del mercato”. “Per rispondere alle nuove richieste del consumatore – prosegue Torreggiani – occorre puntare in particolare su tre aspetti: qualità, innovazione e prezzo. A tale proposito, per ciò che riguarda la qualità, la produzione della Patfrut garantisce ottimi livelli, anche perché la base sociale è concentrata in una delle aree produttive più vocate per la patata a livello nazionale: la zona di pianura della provincia di Bologna, compresa tra i comuni di Budrio, Castenaso, Ozzano dell’Emilia, Medicina, Castelguelfo, Molinella, Baricella, Minerbio e Granarolo. Per quanto concerne l’innovazione, Patfrut punta sulla ricerca e selezione di nuove varietà che siano idonee ad essere coltivate nella nostra provincia ed anche in Italia e che siano in grado di rispondere sempre meglio alle esigenze della gastronomia”. Un’arte, quella culinaria, che ha nella patata, utilizzabile in mille ricette, una protagonista importante, versatile ed anche economica. In rapporto al suo elevato valore nutritivo, infatti, questo ortaggio viene commercializzato ad un prezzo decisamente accessibile per i consumatori senza che ciò impedisca di garantire ai Produttori una giusta remunerazione economica. Grazie a questo mix vincente, quindi, ogni occasione è adatta per gustare un buon piatto di patate (lessate, cotte al forno, al vapore o fritte), in particolare quest’anno, definito dalla Fao “Anno Internazionale della Patata” e in tutti gli anni futuri. “Puntando su qualità, innovazione e prezzo, che, come ricordato, rappresentano gli elementi più importanti per questo settore, – conclude Torreggiani – Patfrut si conferma come fornitore sempre più moderno e dinamico, in grado di rafforzare ulteriormente i rapporti di collaborazione instaurati con la Grande Distribuzione Organizzata”.

cerca nel sito ricerca avanzata
©Apo Conerpo ScA - Tutti i diritti riservati - P.IVA 01788291209 - info@apoconerpo.com - credits