[Login]
Finaf Alegra Naturitalia Valfrutta Conserve Italia
Torna alla homepage
Ritorna alla pagina iniziale Chi è Apo Conerpo Catalogo prodotti Associati on line La base sociale Appuntamenti e News Come contattarci



APPUNTAMENTI E NEWS

Appuntamenti e News  >  News  >  CPR System: i vantaggi degli imballaggi riutilizzabili.
Economicità per l’impresa e sostenibilità ambientale i punti di forza del sistema.

CPR System: i vantaggi degli imballaggi riutilizzabili

(Cesena, 03 maggio 2006). Un sistema pratico e moderno di movimentazione degli ortofrutticoli basato sull’uso di particolari cassette in plastica a sponde abbattibili, riciclabili e riutilizzabili. Questo il metodo logistico proposto con successo da alcuni anni da CPR System, azienda cooperativa ferrarese leader nella gestione di imballaggi per gli ortofrutticoli, composta dai principali protagonisti della filiera agroalimentare: piccoli e grandi produttori agricoli, aziende produttrici di imballi, fornitori di servizi e catene distributive (Coop Italia, Conad, Pam, Sisa, AeO e altre). La gestione degli imballaggi a sponde richiudibili ed impilabili si basa su un sistema che prevede l’acquisto delle cassette da parte dei soci della cooperativa e la gestione della movimentazione da parte di CPR attraverso un circuito di centri logistici specializzati che coprono l’intero territorio nazionale e fungono da deposito per tutto il sistema. CPR ritira gli imballi presso le catene distributive e li riporta a destinazione presso i propri centri logistici per renderli nuovamente disponibili agli utilizzatori, dopo aver provveduto alla manutenzione, al lavaggio e alla disinfestazione delle cassette tramite l’impiego di attrezzature ad alta automazione. Gli imballaggi possono essere utilizzati da tutti gli attori della filiera (produttori, magazzini, mercati generali, moderna distribuzione) e permettono, grazie alle sponde abbattibili, di risparmiare spazio e costi nella movimentazione a vuoto: quattro cassette chiuse occupano lo spazio di uno aperto. Rispetto alle altre tipologie di imballaggi questo sistema consente una sensibile riduzione dello smaltimento dei rifiuti e quindi dell’impatto ambientale, oltre a notevoli vantaggi economici per le imprese che vedono ridotti i costi di acquisto e di gestione delle cassette. Gli aspetti strettamente collegati alle tematiche ambientali, circa la riduzione dei rifiuti ed il forte contenimento dell’uso di risorse naturali, hanno fatto sì che il progetto di CPR System diventasse oggetto di interesse e sostegno da parte dell’Unione Europea, attraverso lo strumento finanziario del Life Ambiente, un programma della Commissione UE per la salvaguardia ambientale. Ai vantaggi del sistema di imballaggi CPR System nella filiera produttiva degli ortofrutticoli è dedicato uno studio economico-ambientale, realizzato dal Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie dell’Università di Bologna, che raffronta questo sistema logistico con i tradizionali imballaggi in plastica a perdere ed in cartone, evidenziando elementi importanti inerenti la convenienza economica per l’impresa ortofrutticola, che, con le cassette in plastica riutilizzabili, ha una minore incidenza complessiva dei costi nella gestione e movimentazione dei propri prodotti verso la distribuzione, rispettando nel contempo anche maggiormente l’ambiente. L’uso di imballaggi riutilizzabili CPR comporta un costo di 0,50 euro a movimentazione, contro 0,90 euro per gli imballaggi a perdere e circa 1,50 euro per quelli in cartone (considerando ogni tipo di costo, dalla produzione dell’imballaggio al costo di trasporto per consegnare la merce al punto vendita). Oltre al risparmio puramente economico, il sistema CPR rende possibile un consistente risparmio energetico che è pari a 1,2 kwh per ogni movimentazione: ciò significa che sostituendo anche solo il 60% degli imballaggi a perdere per frutta e verdura circolanti oggi in Italia, si risparmierebbe in un anno l’energia sufficiente a coprire le esigenze giornaliere di un paese di 7.000 abitanti, e materia prima pari a 60.000 alberi, praticamente una foresta distribuita in 3.000 campi da calcio allineati. Questo senza contare i benefici derivanti all’ambiente, invaso ogni anno da 750 milioni di imballaggi di cartone, legno o plastica. “CPR System – ha spiegato il direttore generale Gianni Bonora – è nata al fine di sostenere il comparto ortofrutticolo e con l’obiettivo di garantire al consumatore finale qualità del prodotto ad un costo il più contenuto possibile. Infatti, in anni di grande difficoltà come quelli che sta attraversando il comparto ortofrutticolo italiano, è decisivo individuare gli aspetti determinanti dell’attività sui quali intervenire al fine di creare un vantaggio competitivo per le aziende che operano lungo la filiera ortofrutticola, dal produttore al distributore finale”. “Gli imballaggi movimentati – ha evidenziato Marco Salvi, presidente CPR System – sono ormai conosciuti da tutti gli operatori della filiera. Il 2005 si è infatti chiuso con circa 700 soci attivi e 75 milioni di movimenti: dati che collocano CPR System in posizione di leader nel mercato italiano e che consentono di programmare nel corso del 2006 importanti investimenti per l’ampliamento di centri logistici esistenti e la creazione di nuove piattaforme in Italia e all’estero.”

cerca nel sito ricerca avanzata
©Apo Conerpo ScA - Tutti i diritti riservati - P.IVA 01788291209 - info@apoconerpo.com - credits