[Login]
Finaf Alegra Naturitalia Valfrutta Conserve Italia
Torna alla homepage
Ritorna alla pagina iniziale Chi è Apo Conerpo Catalogo prodotti Associati on line La base sociale Appuntamenti e News Come contattarci



APPUNTAMENTI E NEWS

Appuntamenti e News  >  News  >  BIOBENESSERE protagonista al MIA di Rimini
(Bologna, 7 febbraio 2007). Il progetto, promosso da Pro.B.E.R., sarà al centro della sezione BioCatering

BIOBENESSERE protagonista al MIA di Rimini

Bologna, 7 febbraio 2007 – Incentivare i consumi collettivi e le scelte orientate ai prodotti biologici, ampliare la conoscenza delle tecniche dell’agricoltura biologica da parte dei consumatori in funzione dei benefici sulla salute e sull’ambiente, informare su norme e discipline nazionali ed europee che regolano le produzioni e sensibilizzare operatori ed enti all’adozione di prodotti bio nei menu della ristorazione collettiva, soprattutto rivolti all’infanzia ed alle fasce giovanili della popolazione.
Con questi principali obiettivi divulgativi e di promozione, il progetto “BioBenessere”, promosso da Pro.B.E.R. (Associazione dei Produttori Biologici e Biodinamici dell’Emilia-Romagna) e cofinanziato da Unione Europea e Agea, sarà presente alla 37ª edizione del MIA, la Fiera Internazionale dell’Alimentazione che si tiene a Rimini dal 10 al 13 febbraio su un’area di oltre 95 mila mq dove saranno ospitate 800 aziende espositrici. I plus di BioBenessere saranno illustrati ai numerosi visitatori specializzati (quasi 110 mila nella scorsa edizione) attraverso un’attività di comunicazione tesa a far conoscere le produzioni biologiche, i controlli cui vengono sottoposti questi prodotti, i vantaggi di un’alimentazione sana e corretta e, conseguentemente, l’importanza di un più intenso consumo di prodotti bio.
Il mercato del biologico sviluppa in Italia un giro d’affari stimato intorno a 1,5 miliardi di euro, con una crescita produttiva del 10% all’origine e del 12% per i prodotti confezionati (1 milione gli ettari investiti e quasi 50.000 gli operatori presenti nel settore), a seguito del fatto che ben 8 milioni di famiglie italiane scelgono i prodotti biologici (con una quota del 2% sul totale consumi alimentari). I consumi alimentari extra-domestici sviluppano complessivamente un volume d’affari di oltre 58.000 miliardi di euro, ripartiti principalmente tra l’85,4% della ristorazione commerciale (ristoranti, bar, pizzerie: +2,5% nel 2005) ed il 14,6% della ristorazione collettiva (mense scolastiche, aziendali, ospedaliere: +3% nel 2005).
La sezione BioCatering della fiera punta i riflettori su un mercato in fortissima espansione, caratterizzato da un costante mutamento delle tendenze e dei gusti del consumatore, con il biologico in crescita anche nel segmento fuori casa.
Gli operatori della ristorazione collettiva e le amministrazioni pubbliche per quanto riguarda le mense risultano sensibili a questa opportunità e possono quindi divenire un importante veicolo di educazione alimentare, in grado di portare al biologico sempre più consumatori. Le mense bio attive in Italia sono 647 in ambito scolastico, di cui 133 in Emilia-Romagna, 105 in Lombardia, 77 in Toscana, 71 in Veneto e 67 in Friuli Venezia Giulia: in 5 regioni si concentra quindi il 70% delle biomense (dati Biobank – 2005).
“Il progetto BioBenessere – dichiara il presidente di Pro.B.E.R. e Federbio, Paolo Carnemolla – è presente al MIA con un proprio stand (B7-160) insieme a Gruppo Progeo, Il Mazzocchino, Cascina Cà degli Alemanni, Montanari & Gruzza e Fileni Simar, tutte aziende specializzate nella produzione di alimenti biologici di vario tipo (farine, salumi, latticini e formaggi, carni avicole, ecc.) che nell’occasione presenteranno alcune delle proprie filiere produttive”. “L’obiettivo fondamentale di questa significativa partecipazione – sottolinea Carnemolla – è l’interazione con i centri pasti e gli operatori della ristorazione che operano nei vari segmenti del settore, in virtù dell’importanza che la ristorazione collettiva ed il catering rivestono per lo sviluppo dei consumi biologici, in particolare in certe regioni, come l’Emilia-Romagna, che hanno adottato leggi specifiche in materia di utilizzo di prodotti biologici nelle mense, soprattutto scolastiche, e nella ristorazione collettiva”.
La presenza del progetto BioBenessere (www.bio-benessere.it) al MIA è parte integrante di un’ampia ed articolata serie di iniziative (convegni, workshop, attività didattiche, promozioni al consumo) finalizzate ad accrescere l’informazione, la divulgazione e l’interesse verso i prodotti biologici nella ristorazione, tra le amministrazioni locali deputate alla definizione dei capitolati per i menù di scuole e mense pubbliche e tra i consumatori di ogni età.
“All’interno di questa attività – annuncia Carnemolla – Pro.B.E.R. sta conducendo un’indagine sui Comuni italiani con più di 1.000 abitanti allo scopo di comprendere meglio l’orientamento delle Pubbliche Amministrazioni all’introduzione dei prodotti alimentari di qualità nei menu scolastici e anche per valutare la percezione della sicurezza ed educazione alimentare in ambito scolastico tramite una ricerca specifica quantitativa per il profilo dei consumatori potenziali”.
“L’indagine, che sarà completata a metà febbraio 2007 e riguarderà 1.500 Comuni su tutto il territorio nazionale, coinvolge i decisori delle P.A. responsabili della gestione del servizio di ristorazione scolastica e avrà l’obiettivo di sondare l’organizzazione del servizio erogato, di analizzare i prodotti utilizzati nei menu scolastici, con riferimento soprattutto all’introduzione/gradimento di alimenti di qualità, e di verificare l’attività di controllo e formazione circa la sicurezza e l’educazione alimentare, in base ai bisogni ed alle aspettative”. Pro.B.E.R. partecipa al MIA con alcune aziende associate: Parmabio, CIA Emilia-Romagna, Fattoria degli Orsi e Agrimola.

cerca nel sito ricerca avanzata
©Apo Conerpo ScA - Tutti i diritti riservati - P.IVA 01788291209 - info@apoconerpo.com - credits