[Login]
Finaf Alegra Naturitalia Valfrutta Conserve Italia
Torna alla homepage
Ritorna alla pagina iniziale Chi è Apo Conerpo Catalogo prodotti Associati on line La base sociale Appuntamenti e News Come contattarci



APPUNTAMENTI E NEWS

Appuntamenti e News  >  News  >  Aziende biologiche, AIAB Emilia-Romagna
(8/6/2004) "Difficoltà in tutt'Italia, la Regione sostenga il biologico". Il calo è dell'8,1%.

(8/6/2004)
Per la prima volta dopo cinque anni di crescita, nel 2003 le aziende biologiche certificate dell'Emilia Romagna risultano in calo. L'anno scorso sono state infatti 4.770 contro le 5.192 del 2002, con una diminuzione del -8,13%. La provincia con il calo più consistente è quella di Modena, -18,7%. Unica eccezione Piacenza, +4,3%. Nella provincia di Bologna la contrazione è stata del –13%.

I nuovi dati sull'andamento del biologico sono stati diffusi da AIAB (Associazione italiana agricoltura biologica) Emilia-Romagna, su elaborazione della Regione - Servizio valorizzazione delle produzioni.

"La difficoltà in cui versa il settore del biologico riguarda l'Italia intera – commenta Giovanni Matteotti, presidente AIAB Emilia-Romagna -. Nel 2003 infatti sono drasticamente calati i contributi pubblici alle aziende per la certificazione delle loro produzioni biologiche. Chiediamo all'Amministrazione regionale di intraprendere misure di sostegno di questo sistema di produzione, che non fa uso di pesticidi, concimi e altre sostanze chimiche di sintesi, rispetta l'ambiente, i consumatori, e rappresenta un valore aggiunto per i prodotti regionali".

Dal 1998, quando erano 3.643, il numero della aziende biologiche certificate della regione è infatti cresciuto, anno dopo anno, toccando il record di 5.192 aziende nel 2002. Con le 4.770 del 2003 si compie invece un passo indietro di tre anni, raggiungendo il livello del 2000, quando le aziende certificate furono 4.761.

La maggioranza delle aziende biologiche certificate nel 2003 si occupa di produzione, a quota 4.086, a fronte di 684 aziende di preparazione e trasformazione. Tra i produttori, il 60% sono esclusivamente biologici, il 23% sono misti, affiancano cioè alle produzioni biologiche, altre convenzionali, e il 17% sono in conversione, stanno cioè passando da coltivazioni convenzionali a coltivazioni biologiche.


cerca nel sito ricerca avanzata
©Apo Conerpo ScA - Tutti i diritti riservati - P.IVA 01788291209 - info@apoconerpo.com - credits