[Login]
Finaf Alegra Naturitalia Valfrutta Conserve Italia
Torna alla homepage
Ritorna alla pagina iniziale Chi è Apo Conerpo Catalogo prodotti Associati on line La base sociale Appuntamenti e News Come contattarci



APPUNTAMENTI E NEWS

Appuntamenti e News  >  News  >  Copa-Cogeca evidenzia le misure introdotte per "inverdire"la PAC
(12 gennaio 2011). In occasione di una riunione di alto livello sulla futura politica agricola comunitaria.

Copa-Cogeca evidenzia le misure introdotte per "inverdire"la PAC

(12 gennaio 2011).
In occasione di una riunione di alto livello sulla futura politica agricola comune (PAC) tenutasi oggi, il Copa-Cogeca ha messo in luce l'ampio ventaglio di misure costose già introdotte per "inverdire" maggiormente la PAC, misure che le importazioni provenienti da paesi terzi non sono tenute a rispettare. Il Copa-Cogeca ha messo in guardia contro un ulteriore aumento dei costi.
Prendendo la parola in seno al gruppo consultivo allargato della Commissione sulla futura PAC, Padraig Walshe, Presidente del Copa, ha dichiarato: "Dall'inizio degli anni '90, gli agricoltori sono stati confrontati a una serie di nuove normative volte ad assicurare la protezione dell'ambiente, compresi il controllo dei nitrati, la direttiva sulla protezione del suolo, così come norme in materia di benessere degli animali. Ciò ha provocato un aumento significativo dei loro costi che non possono però recuperare dal mercato senza perdere competitività, in un momento in cui le importazioni, che non devono rispettare queste onerose esigenze, inondano l'UE. Questo è il motivo per cui abbiamo espresso un parere critico sulle proposte della Commissione europea intese a introdurre nuove misure che avranno per effetto di accrescere ulteriormente i costi per gli agricoltori. Inoltre, una politica del genere potrebbe spostare la produzione in altre parti del mondo, causando la deforestazione e altri danni all'ambiente".
"Riteniamo però che si possano trovare delle soluzioni in grado di permettere agli agricoltori europei di mantenere la produzione, generando allo stesso tempo un impatto positivo sull'ambiente o sul cambiamento climatico.
Ad esempio, un premio all'erba potrebbe aiutarli a continuare la loro attività di produzione, a ridurre le emissioni di gas a effetto serra e a fornire altri benefici ambientali" ha precisato il Presidente. Paolo Bruni, Presidente della Cogeca, ha aggiunto: "Un settore agroalimentare competitivo è essenziale in futuro per garantire la sicurezza alimentare e rispondere alla domanda alimentare mondiale che, secondo le previsioni, dovrebbe raddoppiare. Tuttavia, i piani della Commissione sono sprovvisti di misure concrete indispensabili per assicurare il conseguimento di questi obiettivi o consolidare la posizione degli agricoltori europei nella catena alimentare.
Attualmente, gli agricoltori ottengono soltanto una frazione del prezzo di vendita al dettaglio. Una maniera di garantire che ricevano una parte più equa del prezzo consiste nel concentrare l'offerta tramite le organizzazioni di produttori, come le cooperative. Le regole europee della concorrenza devono pertanto essere adattate onde consentire loro di crescere di dimensioni e di scala, aumentando in tal modo la loro competitività e migliorando il funzionamento della filiera alimentare. Sono altresì indispensabili dei rapporti contrattuali più giusti".

cerca nel sito ricerca avanzata
©Apo Conerpo ScA - Tutti i diritti riservati - P.IVA 01788291209 - info@apoconerpo.com - credits